SPORT TRA QUATTRO MURA

Mattia Ghirardelli - 4N

Nel mese di novembre alcuni alunni della nostra scuola si sono recati al Carcere di Lodi per prendere parte al progetto “Sport tra quattro mura”.
Esso consiste nel giocare a calcio nel cortile del carcere contro altre scuole e la squadra dei carcerati. L’altro istituto presente era il Gandini di Lodi.
Si è svolto quindi un triangolare fra le squadre del Cesaris, del Gandini e dei carcerati.

I partecipanti sono arrivati al carcere di Lodi alla mattina e, prima di entrare, hanno dovuto spogliarsi dei loro averi, inclusi i cellulari, e lasciarli negli spogliatoi della casa circondariale.
Questo distacco ha provocato inizialmente emozioni forti ai ragazzi e ai docenti che hanno partecipato. Gli stessi hanno riferito che non è stato facile liberarsi, seppure per una mattinata, di tutte le proprie cose, poi, però ha prevalso la voglia di giocare e di vincere il torneo.
La squadra che quest’anno ha vinto il triangolare è stata quella del Cesaris.

I ragazzi si sono messi nei panni dei carcerati e hanno compreso a pieno cosa significa essere reclusi in un carcere, isolati dal resto del mondo, e soprattutto senza il cellulare.

Avreste il coraggio di partecipare a questa esperienza anche voi?
Scrivetelo nei commenti!!!