History Time: Il coraggio di aver paura

Il 19 marzo 1994 a Casal di Principe alle 7.20 viene assassinato Don Giuseppe Diana nella sacrestia della chiesa di San Nicola di Bari, mentre si accinge a celebrare la messa. Un camorrista lo affronta con una pistola e tutti i proiettili vanno a segno. Don Peppe muore all’ istante e con lui se ne va l’impegno civile e religioso; un uomo che aiutava la gente nei momenti resi difficili dalla camorra casalese, legata al boss Francesco Schiavone detto Sandokan. Lo scritto più noto del Don è la lettera ”Per amore del mio popolo”, un documento diffuso a Natale del 1991 in tutte le chiese di Casal di Principe e della zona aversana, un manifesto dell’impegno contro il sistema criminale. ”Dove c’è mancanza di regole, di diritto si affermano il non diritto e la sopraffazione. Bisogna  risalire alle cause della camorra per sanare la radice che è marcia. Una Chiesa diversamente impegnata su questo fronte potrebbe fare molto. Dovremmo testimoniare di più una Chiesa di servizio ai poveri, agli ultimi; dove regnano povertà, emarginazione, disoccupazione e disagio è facile che la mala pianta della camorra nasca e si sviluppi”. Questo scriveva Don Giuseppe Diana, una voce che voleva scuotere le coscienze dei molti ma che è stata zittita perché chi parla e pensa dà fastidio a chi vuole delinquere indisturbato.

“Non c’è bisogno di essere eroi, basterebbe ritrovare il coraggio di aver paura, il coraggio di fare delle scelte, di denunciare” Don Giuseppe Diana.

Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram
Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email
Share on reddit
Reddit
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on reddit

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ACCEDI