Intervista all’Onorevole Paola Frassinetti

L’Onorevole Paola Frassinetti si è dedicata alla politica sin da giovane. Aderisce al Fronte della Gioventù per il quale diventa negli anni ’70 responsabile del settore cultura.

Nel 1994 aderisce ad Alleanza Nazionale, rimanendo sempre in ambiente di destra sociale. Diventa, per questo partito, Consigliere provinciale di Milano nel 1997, carica riconfermatale nel 1999 e susseguita poco dopo dalla nomina a Vicepresidente Vicario del Consiglio. Nel 2001 viene nominata assessore all’istruzione e all’edilizia scolastica, ricoprendo la funzione di coordinatrice per le provincie lombarde. 

È importante sottolineare come in questi anni abbia lottato duramente per la libera istruzione, per la centralità delle famiglie e degli studenti e per la valorizzazione della cultura classica, nazionale, ma soprattutto per il portare alla luce pagine di storia a lungo dimenticate, al fine di tentare di costruire una memoria storica popolare italiana. Nel 2004 viene rieletta come consigliere provinciale a Milano.

Si candida nel 2004 come deputato per Alleanza Nazionale e viene eletta nella circoscrizione Lombardia 1, per la quale viene rieletta ancora nel 2006 per Il Popolo Delle Libertà. Nel 2012 lei, insieme ad altri 18 deputati, lascia il partito per cui è stata eletta per contribuire nella fondazione del partito Fratelli d’Italia. Dopo due sconfitte (alle politiche del 2013 e alle amministrative del 2016) torna alla Camera dei Deputati nominata come deputata del collegio uninominale di Seregno.

Durante questi anni a Montecitorio occupa più volte una posizione all’interno della Commissione Cultura, diventandone per l’attuale legislazione una delle due vicepresidenti. In questo periodo di lavoro (poco più di un anno) ha presentato sei proposte di legge, delle quali forse la più importante è l’ultima: agevolazioni fiscali e sanitarie per l’installazione di defibrillatori automatici e diffusione delle basi di primo soccorso nella scuole.

Riassumendo, l’Onorevole Frassinetti non sarà conosciuta come altri, ma questo perché invece di apparire in televisione preferisce agire e stare con la popolazione.

Un sentito ringraziamento all’Onorevole che ha accettato di farsi intervistare da noi. A seguire il video-intervista:

Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram
Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email
Share on reddit
Reddit
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on reddit

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ACCEDI