Liliana Segre sotto scorta dopo gli insulti degli haters

Liliana Segre è provata, addolorata, stanca. Segnata dagli insulti e dalle minacce che hanno spinto la Prefettura di Milano ad assegnarle la scorta.

La decisione, spiegano i quotidiani, è stata presa durante il Comitato per l’ordine pubblico e la sicurezza, che si è tenuto ieri.
Sugli insulti e minacce ricevuti dalla senatrice a vita, Lilliana Segre (ex deportata ad Auschwitz) via web, la Procura di Milano ha aperto un’inchiesta contro ignoti. A occuparsene è il Dipartimento antiterrorismo.
Proprio questa pioggia di insulti (quantificata a circa duecento al giorno), ha portato la senatrice ad essere prima firmataria al Senato per la creazione di una Commissione parlamentare contro l’odio, che è stata istituita con 151 sì, ma con l’astensione di Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia.


Il comitato per l’ordine e la sicurezza, sotto il coordinamento del prefetto milanese Renato Saccone e del ministero dell’interno, ha optato per accelerare sulla tutela della senatrice, assegnandole: un’auto e due carabinieri che la accompagneranno in ogni suo spostamento, una tutela contro gli haters per una donna che ha già subito gli orrori dei campi nazisti.

Mancano i presupposti per dare la cittadinanza onoraria, perché manca un legame con il nostro territorio: a questo punto dovremmo conferirla anche ai tanti rappresentanti delle istituzioni che ricevono pubbliche offese e minacce“, replica così Vincenzo D’Incecco, capogruppo della Lega al comune di Pescara, sulla proposta di conferire la cittadinanza onoraria a Liliana Segre.

Fratelli d’Italia, invece, propone di conferire la cittadinanza italiana anche ai parenti delle vittime delle dell’Olocausto, e ieri il comune di Pescara risponde direttamente: “Siamo pronti a conferire noi la cittadinanza onoraria a Liliana Segre: sta accadendo qualcosa di inquietante e vergognoso in Italia” sottolinea preoccupato il sindaco Luciano Di Lorito., ma il clima resta teso, soprattutto all’interno del Palazzo.

Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram
Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email
Share on reddit
Reddit
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on reddit

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ACCEDI